leishmaniosi-pappatacio-alguinzaglio.it

Leishmaniosi Canina: cause, sintomi e cura

La Leishmaniosi è una malattia Infettiva molto diffusa fra i roditori e gli animali della famiglia dei canidi (cani, volpi, lupi); in alcuni casi è trasmissibile all’uomo. In Italia, la possibilità di contrarre la leishmaniosi è assai più rara rispetto ad altri paesi del mondo.

La Leishmaniosi nel Cane è causata da protozoi del genere Leishmania (maggiormente coinvolta è la Leshmania Infantum, presente in diverse parti del globo; la si può trovare anche in Italia, escluso l’estremo Nord).Leishmaniosi
Il Protozoo parassita, causa della Leishmaniosi,  è trasmesso al cane attraverso la puntura di un piccolo insetto ematofago simile a una zanzara, il Pappatacio Flebotomo.

Il Pappatacio vive in temperature calde; il periodo dell’anno più favorevole all’infezione è quindi da maggio a ottobre. A differenza della zanzara, il Pappatacio non necessita dell’acqua per sopravvivere. Predilige ambienti caldo-umidi e piccoli, come anfratti, crepe e così via. La sua è un’attività notturna, difatti i cani che dormono all’aperto sono più a rischio di contagio.

Il Pappatacio vettore ingerisce gli agenti scatenanti della malattia quando punge un animale infetto e li trasmetterà all’animale che pungerà successivamente: ecco come il cane contrae la malattia. Una volta avvenuta l’inoculazione del protozoo, l’evoluzione della malattia dipenderà dallo stato immunitario dell’animale; il periodo di incubazione può variare da un mese fino a tre anni…!


Correlato: Sintomi della Leishmaniosi


Esiste la cura per la Leishmaniosi?

Sono stati fatti molti passi avanti per la cura della Leishmania. Oggigiorno, il più delle volte e con una cura adeguata, l’animale riesce a vivere dignitosamente arrivando alla vecchiaia.

Il trattamento medico quindi funziona e permette di ottenere la guarigione clinica (scomparsa dei problemi cutanei, l’animale riprende peso, i valori del sangue migliorano), anche se il parassita purtroppo continua a rimanere, poiché la cura non è in grado di debellare totalmente la presenza di questo parassita.

I farmaci più usati sono: il Glucantime (Antimoniato di Metilglucamina) che agisce diminuendo la carica immunitaria e lo Ziloric (Allopurinolo) che va ad agire togliendo nutrimento al protozoo parassita. Da qualche  tempo a questa parte si è scoperta l’efficacia di un nuovo farmaco sostitutivo al Glucantim, il Milteforan che, sempre associato allo Ziloric, riesce a debellare almeno i segni clinici (non totalmente la presenza della Leishmania) offrendo un grande risultato!

La riuscita della cura dipende molto dal grado di avanzamento della malattia: prima ci si accorge del contagio, migliori saranno i risultati di guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *